fbpx

Come Fare Growth Hacking in 8 Step

By 14 gennaio 2018Growth Hacking
Come Fare Growth Hacking in 8 Step

Come fare Growth Haking  in 8 Step.

Una delle maggiori sfide che devi affrontare nella creazione di una startup è l’incertezza sia del tuo modello di business che dell’ambiente in cui operi. Cerchi di imparare il più velocemente possibile.
I tassi di interesse delle banche sono essenzialmente una pistola puntata alla tua testa che ti impone di capire come far crescere la tua azienda.

Non puoi pianificare nulla troppo in anticipo perché non hai idea se il tuo piano è in realtà il miglior percorso da seguire o meno. Stai praticamente scendendo lungo un sentiero di montagna davvero complesso con una minuscola torcia che ti permette di vedere massimo fino a 30 cm di fronte a te. Più impari, più la torcia diventa luminosa e più lontano puoi vedere.A mio avviso, questo è il motivo per cui un approccio basato sui dati è così dannatamente importante. Non puoi permetterti di commettere errori drammatici.Questo è tutto ciò che riguarda il Growth Hacking. Crea una struttura di test basata sui dati che ti aiuta a scoprire il percorso migliore per la tua organizzazione. Non mi dilungherò a spiegare cos’è il growth hacking e come funziona, ormai è già un discorso vecchio, ma mi sono limitato solo a spiegare qual è il problema di fondo che spinge un’azienda o delle persone (le aziende sono fatte di persone) a cercare il modo di “hackerare la crescita”.

Come fare Growth hacking in 8 step:

1 – Leadership
2 – Capire se si è in grado di raggiungere il product market fit
3 – Costruisci il tuo database di dati
4 – Crea il tuo team di crescita per il successo
5 – Scegli le tue principali misure di crescita e metriche di valutazione
6 – Decidi i tuoi strumenti di crescita
7 – Costruisci un backlog di idee per la crescita
8 – Inizia a fare growth hacking sul serio

Step 1: Leadership

E’ chiaro che partendo dalla base, non potremo mai mettere in atto un operazione di growth hacking se non abbiamo il consenso dell’azienda in cui operiamo o dei nostri soci.
La crescita di chi vuole intraprendere questo percorso è un approccio fondamentalmente diverso rispetto ai modi “tradizionali” di crescita … qualunque sia il significato “tradizionale”!
La maggior parte delle aziende ha un team di sviluppo, un team di Business Intelligence o di dati, un team di marketing, ecc. Questi team si muovono praticamente al ritmo del proprio tamburo in base alla visione e alla direzione fornita dalla propria dirigenza. Ogni team cerca di fare bene il proprio lavoro, raccogliendo dati ed informazioni al fine di cercare di migliorare sempre di più l’esperienza del cliente.
Un growth hacker capovolge l’intero processo. Mette l’esperienza del cliente al vertice e tutti nel team si concentrano sul miglioramento di tale esperienza basandosi su test e prove empiriche, indipendentemente dal team a cui appartengono. Ciò significa che potresti essenzialmente far lavorare per un mese il team di sviluppo sul miglioramento dell’esperienza di una pagina di destinazione del proprio sito (tradizionalmente un’iniziativa di marketing) e il mese successivo su un cambiamento all’interno del prodotto (tradizionalmente un’attività di sviluppo).
Ora, non sto dicendo che un team di growth hacking sostituisca il modello tradizionale di organizzazione di gruppi di persone in un’azienda. Sto solo sottolineando il fatto che si tratta di un approccio molto diverso e che sarà necessaria una forte caratteristica di leadership all’interno dell’organizzazione.

Step 2: Capire se si è in grado di raggiungere il product market fit

Perché è importante è abbastanza ovvio. Se il tuo prodotto o servizio non soddisfa i bisogni, i desideri o le esigenze di un mercato di riferimento, la tua azienda non sarà un’azienda per molto tempo. Abbastanza semplice.
Ma come sai di aver finalmente raggiunto il tuo product market fit? Non penso che ci sia un momento preciso in cui puoi puntare e dire “ecco l’ho raggiunto!”
Ecco alcune indicazioni che potrebbero farci capire di essere arrivati al product market fit:
– I clienti pagano volentieri i tuoi prodotti o servizi.
– Tassi di annullamento o “abbandono” davvero bassi.
– Persone che tornano ancora e ancora per utilizzare e acquistare nuovamente il tuo prodotto o servizio.
– La maggioranza dei feedback dei clienti è davvero positiva.
– Passaparola ampio e di valore.
– Fidelizzazione.

come fare growth hacking in 8 step

 

 

Step 3: costruisci il tuo database di dati

Ora che hai raggiunto il tuo product market fit, quindi sai effettivamente che i clienti che acquistano il tuo prodotto o servizio sono effettivamente soddisfatti, che riesci a sopperire ad un bisogno ben preciso ed in modo efficiente. E’ arrivato il momento di costruire la tua base dati. Questo è uno dei passaggi più critici per creare uno script per la crescita. Non c’è modo di poter spiegare e definire in un solo articolo (ma nemmeno in 100 articoli) tutto ciò che è necessario in questa fase di data collection. Per ora, mi limiterò a definire solo i punti fondamentali che devi necessariamente capire in questa fase, ovvero:
–       La raccolta di dati.
–       Il piano di archiviazione.
–       Gli strumenti di analisi.
In conclusione, dovresti essere in grado di tracciare praticamente ogni singola interazione con il cliente durante l’intero percorso d’acquisto con la tua azienda. Quindi, usando come esempio il caso in cui tu lavori per un’azienda che vende i propri prodotti tramite un e-commerce, dovresti essere in grado di tracciare:
– La prima visita al tuo sito web e esattamente da dove proviene il traffico.
– Ogni singola pagina che qualcuno visita sul tuo sito.
– Come si è avviato il processo di iscrizione.
– Come hanno interagito con qualsiasi funzionalità del tuo prodotto.
– Il prezzo pagato per il tuo prodotto/servizio.
– Quando, come e perchè un cliente cancella la propria iscrizione.
Ovviamente c’è molto altro ancora da monitorare rispetto a questi elementi, ma spero sia chiaro il punto: traccia: tutto e tutti!

Step 4: configura il tuo team di crescita

Poiché la crescita è completamente focalizzata sull’intero percorso del cliente, richiede naturalmente una squadra diversificata con molte competenze diverse. Ogni azienda avrà esigenze diverse, ma penso che le abilità più critiche che devono essere disponibili per partecipare attivamente al team di crescita siano le seguenti:
Dati e capacità analitiche
Capacità di progettazione
Eccellenti abilità di sviluppo
Know-how di marketing
Esperienza di copywriting
Lavora con le abilità che hai a disposizione, ma cerca di completare tutte le abilità necessarie attraverso un team di crescita. L’unica abilità che penso sia assoluta, tuttavia, è che qualcuno deve essere in grado di lavorare con i dati e analizzare efficacemente i test.

Strp 5: scegli le principali misure di crescita

A questo punto, dovresti disporre di ampi dati disponibili per iniziare ad analizzare ogni fase del percorso d’acquisto dei tuoi clienti. Quindi, inizia a ottenere alcune metriche sul “funnel” che definisce il processo d’acquisto del tuo cliente.

Step 6: Decidi i tuoi strumenti di crescita

Questa è la parte facile secondo me. Mi limiterò solo ad elencare quali sono gli strumenti principali che attualmente utilizziamo qui alla Square media Agency:
Segment – Raccolta dati e pipeline
MixPanel – Analytics
Google Analytics – Analytics
Hotjar – Heatmap / Registrazioni utente
Hubspot – Pipeline CRM / Vendite
Visual Website Optimizer – Test A / B
Progetti di Growthhackers.com – Project management
Trello – Gestione del progetto.

Gli strumenti principali necessari per iniziare a costruire un framework di crescita sono semplicemente tools di: analisi, test A / B e gestione del progetto. Questo è tutto.

Step 7: Costruisci un backlog di idee per la crescita

I tuoi dati, i tuoi strumenti e la tua squadra sono pronti per andare in scena. Ora, hai bisogno di costruire il tuo backlog di idee. Questo è qualcosa che farai COSTANTEMENTE andando avanti.
Il tuo backlog di idee dovrebbe alimentare la velocità di test.
Più grande e più eccitante è il tuo storico, più test e quindi risultati otterrai.

 

Leave a Reply